L’azienda deve il suo nome alla frazione omonima, situata tra Tufo ed il borgo Medievale di Torrioni, nella provincia di Avellino.



L’area collinare su cui sorge la cantina Sanpaolo offre dimora, unitamente con gli appezzamenti collinari nel beneventano, a 20 ettari di vigneto coltivati fino a oltre 700 metri d’altezza, le cui uve beneficiano di un intenso irraggiamento diurno e di una forte escursione termica che ne esaltano l’aromaticità. È qui che le uve a bacca bianca danno origine ai ben noti Fiano di Avellino D.O.C.G., Greco di Tufo D.O.C.G. e Falanghina I.G.T., ed è qui che le uve a bacca rossa di Aglianico ci regalano l’omonimo vino ed il più prestigioso Taurasi D.O.C.G. Ma ciò che più caratterizza la terra irpina è la grande diversità tra i suoli su cui insistono i vigneti, che passano dall’argilloso calcareo al sabbioso con influenze da ceneri vulcaniche del

Vulcano Somma Vesuvio. Lo staff della Cantina Sanpaolo vuole sfruttare appieno le potenzialità dell’Irpinia e non si accontenta di selezionare la materia prima in base ai due classici parametri, varietà e qualità agronomica, ma va oltre, alla ricerca della terza dimensione della purezza, la Purezza di Territorio, per ottenere un vino che sia espressione tridimensionale di Suolo, Varietà, e Tradizione.



Tale continua ricerca si concretizza nella selezione di particolari “cru”, ottenuti da piccolissime zone selezionate per le loro uniche peculiarità ed amorevolmente coltivate. Anni di mestiere, di sapere antico e di continua ricerca dell’eccellenza, si concretizzano nel lavoro della Cantina Sanpaolo. Qui nascono sapori e profumi inconfondibili, che esaltano i frutti preziosi della terra campana, dando notorietà e fama ad alcuni vini tra i più interessanti d’Italia.